Digital Strategy: i trend del 2018

Digital Strategy: i trend del 2018

Il 2018 è arrivato e ha portato con sé tante novità per chi si occupa di comunicazione e marketing per il web. Facciamo il punto su trend e novità per non farci trovare impreparati.

Prepararsi al GDPR: privacy e dati personali nel 2018

Ok, questo non è esattamente un trend. Ma si tratta della sfida più grande per i marketers europei: il 25 Maggio 2018 entrerà in vigore il Regolamento generale sulla protezione dei dati personali (General Data Protection Regulation abbreviato in GDPR).

Perché è importante il GDPR? Perché influenzerà direttamente molti aspetti del web marketing e della comunicazione in generale. Ad esempio obbligherà a una maggiore trasparenza riguardo l’utilizzo delle liste di contatti utilizzati per l’email marketing e persino alcune tipologie di marketing automation.

A breve pubblicherò un post al riguardo, ma nel frattempo se ancora non l’hai fatto ti consiglio di cominciare a studiare bene il regolamento. Infatti anche se ogni paese membro potrà emanare leggi ad hoc per armonizzare la nuova normativa a quella esistente (il termine è il 6 Maggio), il regolamento non ha bisogno di essere recepito dai singoli stati per essere applicato. In altre parole qualunque ulteriore azione da parte del legislatore italiano non potrà snaturare il GDPR, che va quindi studiato e applicato quanto prima.

Su Eur-Lex è possibile consultare la versione in Italiano della nuova normativa mentre nell’area dedicata alla Giustizia del sito della Commissione Europea è disponibile un’intera sezione dedicata al quadro di riferimento del GDPR, con commenti e spiegazioni (tutto in inglese).

Investi su Instagram

Instagram è la piattaforma social che è cresciuta maggiormente in questi anni, e nel 2017 abbiamo assistito a una vera e propria accelerazione di questo trend. Instagram infatti ha chiuso il 2017 con un totale di 800 milioni di utenti mensili attivi, con una crescita di circa 200 milioni rispetto alla fine del 2016. In aumento anche gli investimenti in pubblicità da parte degli utenti, che a Settembre erano circa 2 milioni, praticamente raddoppiati rispetto a Marzo dello stesso anno (fonte: TechCrunch).

Facebook sta sicuramente investendo tantissimo sullo sviluppo di Instagram, e lo si capisce dalla quantità di nuove funzionalità rilasciate ormai con un ritmo incalzante. Solo tra Novembre e Dicembre sono state introdotte novità come la possibilità di seguire singoli hashtag e di mettere in evidenza alcune Stories.

Tra i trend da tenere d’occhio ci sono proprio le Stories: sempre più utenti dimostrano di apprezzare questo tipo di contenuti, che in effetti è molto versatile. Se non avete ancora preso in considerazione le Stories per la vostra Digital Strategies, direi che ora è arrivato il momento di buttarsi.

Facebook: cambi di strategia

Il 2017 ha segnato la morte definitiva della reach organica. In altre parole se hai una pagina Facebook hai sicuramente notato la caduta costante della reach dei contenuti organici. Per gli addetti ai lavori non è stata proprio una sorpresa ma, parafrasando il titolo di un celebre romanzo, si è trattato della cronaca di una morte annunciata.

Da anni infatti l’importanza crescente dei contenuti a pagamento faceva pensare a un ridimensionamento dei risultati organici. Oggi la situazione appare consolidata: per raggiungere il tuo pubblico in modo efficace devi sfruttare al meglio gli Ads di Facebook. Infatti oggi la forza di questo social network sta sicuramente nella grande quantità di dati a disposizione degli inserzionisti e nella profilazione degli utenti.

Quindi l’unica soluzione è lavorare con precisione su target e obiettivi, impostando al meglio gli strumenti offerti dalla piattaforma (form per l’acquisizione di leads, pubblicità, ecc.). Se hai una pagina Facebook, soprattutto se sei agli inizi, comincia da subito a destinare un budget per le inserzioni.

Designed by Freepik

Se invece hai già una pagina con un tasso di engagement molto elevato probabilmente ha ancora senso pubblicare contenuti organici, anche se in modo diverso. Ad esempio non ha più senso continuare a pubblicare puntando sulla quantità. Invece puoi sfruttare Facebook per le dirette, o per occasioni di scambio come sessioni di domande e risposte live.

Se invece sei un blogger, o se comunque la tua pagina ha una community molto affiatata, potresti anche prendere in considerazione la possibilità di aprire un gruppo Facebook. In questo modo sarebbe più facile mantenere un contatto costante con i fan.

In ogni caso, ricordati che tutti gli aggiornamenti di algoritmo di Facebook puntano a tenere gli utenti incollati alla piattaforma, premiando chi crea contenuto originale e coinvolgente. Tra le cose da abbandonare nel 2018 includerei quindi i meme (a meno che tu non sia in grado di crearne di nuovi e virali) e la condivisione di contenuti creati da altri, da limitare a quelli di fonti molto autorevoli. Punta invece su contenuti utili e soprattutto originali, privilegiando i video (vedi sotto).

Influencer marketing

L’Influencer Marketing è stato uno degli argomenti chiave del 2017. Grandi piattaforme come Instagram e Pinterest hanno introdotto strumenti specifici per rendere più trasparente ed agevole la collaborazione tra i brand e i loro ambasciatori. In Italia inoltre il 2017 ha visto l’intervento dell’Antitrust che ha ammonito alcuni influencer famosi. L’Antitrust ha contestato l’uso di pubblicità occulta tramite dei product placement nei propri scatti social.

Sicuramente la tendenza è quella verso una maggiore regolamentazione di una sorta di “area grigia” in cui non sempre è facile distinguere la pubblicità da una recensione spontanea.

Grazie ai nuovi strumenti offerti dalle maggiori piattaforme sarà sempre più facile per brand e aziende lavorare con le star dei social. Ma non sottovalutare i cosiddetti “micro-influencer”, utenti con un seguito meno numeroso ma molto attivo in nicchie ben precise.

Video alla riscossa

Last but not least il trend che sicuramente continuerà a crescere nel 2018 è il video. Su Instagram le visualizzazioni di video sono in crescita continua, mentre su Facebook sono ancora tra i pochi contenuti organici ad ottenere una certa visibilità.

In particolare le dirette video sono oggi un elemento importante. Ormai basta uno smartphone e una buona connessione per creare una diretta, uno dei mezzi più efficaci per coinvolgere i tuoi follower. Sfruttala per eventi live di domande/risposte, ma anche per il backstage di un evento o comunque per coinvolgere il pubblico in occasioni esclusive e irripetibili.

Se la tecnologia ha reso sempre più facili le dirette, la produzione di video di alta qualità resta ancora un procedimento costoso. Ma non farti scoraggiare! Con un po’ di creatività e attrezzature non troppo costose puoi produrre video di buona qualità. Inoltre ultimamente stanno spuntando molte piattaforme online che permettono di editare e montare video in modo semplice e soprattutto gratuito.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *